La verità sull’oil pulling come tecnica di sbiancamento dei denti

La verità sull’oil pulling come tecnica di sbiancamento dei denti

Scopri la verità sui trattamenti alternativi di sbiancamento dei denti, dall’oil pulling al bicarbonato di sodio.

Ottenere un sorriso smagliante è una parte importante di qualsiasi routine di bellezza e a volte le persone provano metodi meno convenzionali per ottenere denti perfetti. Ma quale verità si cela dietro alcuni trattamenti alla moda per sbiancare i denti, come l'estrazione di olio di cocco? Continua a leggere per scoprire la verità sull’oil pulling e su altri due trattamenti fai-da-te di cui si discute molto.

Sfatiamo i miti sullo sbiancamento dei denti

1. Oil pulling

Si è parlato di questa tecnica di sbiancamento alla moda in molti blog di bellezza, ma funziona davvero? In breve, no. Almeno non in un modo che fino a oggi sia stato scientificamente provato.

L’oil pulling è un tradizionale rimedio popolare indiano che consiste nello sciacquare la bocca con olio di cocco e altri oli essenziali. Quando sputi via il preparato, dovresti notare un cambiamento nel suo colore da trasparente a bianco latte. Questo significa che le “tossine” e i batteri “cattivi” sono stati eliminati dalla tua bocca.

Oltre a sbiancare i denti, si dice che questo metodo aiuti anche a ridurre la placca e a migliorare la salute orale in generale. Se di certo la vista dei batteri “cattivi” nel tuo lavandino può darti un senso di soddisfazione, è pur vero che non esistono prove scientifiche che dimostrino la sua azione sbiancante sui denti.

2. Bicarbonato di sodio

Il metodo di sbiancamento mediante bicarbonato di sodio consiste nello spazzolare i denti con il bicarbonato di sodio due volte alla settimana, in aggiunta alle consuete abitudini di igiene orale. Si può anche aggiungere un po’ di succo di limone al bicarbonato di sodio e, dopo aver strofinato il composto sui denti, lasciarlo un minuto sui denti prima di sciacquare il tutto. Si sconsiglia di utilizzare questo trattamento più di una volta alla settimana.

Poiché il bicarbonato di sodio è leggermente abrasivo e il succo di limone è naturalmente acido, entrambi questi metodi possono causare l'usura dello smalto. Se da una parte il bicarbonato di sodio può rimuovere le macchie meno pesanti (dando l'aspetto di uno sbiancamento), dall’altra deve essere usato con estrema cautela per evitare di danneggiare lo smalto e aumentare problemi ai denti nel lungo periodo.

3. Oli essenziali

Gli amanti dei rimedi naturali e alternativi consigliano tutti i tipi di trattamenti sbiancanti a base di oli essenziali, dalla menta piperita al chiodo di garofano, dalla cannella all'eucalipto. Poiché non è consigliabile ingerire oli essenziali o assumerli per uso interno, questo metodo non dovrebbe essere utilizzato per lo sbiancamento dei denti.

Denti più bianchi possono farti apparire e sentire meglio, e il modo migliore per ottenerli è attraverso un regime di cura che non solo sbianchi i denti, ma che sia anche sicuro da usare sullo smalto dei tuoi denti.

Il dentifricio White System Protezione Smalto è un metodo di sbiancamento progressivo che rende i denti più bianchi girono dopo giorno. Inoltre è sicuro sullo smalto dentale.

L’uso di White System migliorerà progressivamente il bianco dei tuoi denti e manterrà il tuo sorriso sicuro e bello per molto tempo.

LO SAPEVI?

Il bicarbonato di sodio va usato con cautela, poiché è una sostanza abrasiva che col passare del tempo può danneggiare lo smalto dei denti.

 

Le Tue Domande Sull'igiene Orale

Trova tutte le risposte ai tuoi dubbi sull'igiene orale nelle guide realizzate da Mentadent, il tuo esperto di igiene dentale.

LEGGI ALTRI ARTICOLI